Luca Peresson

fur | it | en

(FUR) Luca Peresson al insegne informatiche e al è espert tal setôr de comunicazion e des gnovis tecnologiis. De fin dai agns ’80 si interesse di lengaç audiovisîf lavorant in varis setôrs, de imagjin eletroniche ai curtmetraçs di animazion, dal documentari aes realizazions televisivis. Al è a tacâ de seconde metât dai agns ’90 che al met adun oparis in lenghe furlane. Tal 1990 e tal 1992 al à vinçût il prin premi a “Videokids”, tal 1999 e tal 2001 al à vinçût il prin premi te Mostre dal Cine Furlan. Tal 2006 al à otignût il premi “Renato Appi” e tal 2007 il premi “Mario Quargnolo”. Tal cjamp de informatiche, di plui di dîs agns incà al è impegnât in progjets pe promozion de culture dal software libar cuntune atenzion particolâr pal setôr de didatiche.

(IT) Luca Peresson è insegnante di informatica, esperto nel settore della comunicazione e delle nuove tecnologie. Dalla fine degli anni ’80 si interessa di linguaggio audiovisivo operando in diversi settori, dall’immagine elettronica ai cortometraggi di animazione, dai documentari alle realizzazioni televisive. Dalla seconda metà degli anni ’90 realizza diverse opere in lingua friulana. Tra i riconoscimenti ottenuti: primo premio “Videokids” del 1990 e 1992, primo premio alla “Mostre dal Cine Furlan” del 1999 e 2001, Premio “Renato Appi” nel 2006 e Premio “Mario Quargnolo” nel 2007. Nel campo dell’informatica, da oltre un decennio è impegnato in progetti per la promozione della cultura del software libero in particolare nel settore della didattica.

(EN) Luca Peresson is an IT teacher and expert in the fields of communication and new technologies. Since the late 80s he has worked in the field of audiovisual language in a variety of sectors, such as electronic imaging, short animated movies, documentaries and TV productions. Since the mid 90s, he has been involved in the creation of many works in the Friulian language. He was awarded with first prize at “Videokids” in 1990 and 1992; first prize at “Mostre dal Cine Furlan” in 1999 and 2001; the “Renato Appi” prize in 2006 and the “Mario Quargnolo” prize in 2007. In the computing field, for the past decade or so, he has been involved in projects promoting free software, aimed primarily at the educational sector.