L’ultin desideri

  • regjie, senegjature, ripresis e montaç : Michele Urtamonti
  • cun : Tiziano Cossettini, Bobo Borislav Vujnovic, Federico Concil, Pauli Nauli, Riccardo Conta
  • costums : Emanuela Cossar
  • dedicât a : Novella Azzolini e Plinio Urtamonti
  • produzion : CTR – Compagnie Teatrâl di Ruvigne
  • version : furlan
  • an : 2011
  • durade : 8’47”

(FUR) Une scuadre di oms dûrs, sot cuntune esecuzion. La massime punizion par un che a ‘nd à fatis di ogni sorte. Sì, parcè che se lis robis intal mont a àn di lâ intun ciert mût, i vûl che cui che al cîr di cambiâlis al à di jessi cjastiât. Chel che al cambie un colôr, chel che si insumie di dâ une anime aes robis al fasarà une brute fin. Ma, salacor, no simpri al sarà cussì. Salacor o meretìn ducj di vê une seconde pussibilitât, li che o podìn cjalâ lis robis cun plui bontât.

(IT) Un pugno di uomini duri alle prese con un’esecuzione. Una punizione estrema per un individuo che ne ha fatte di tutti i colori. Già, perché se le cose al mondo devono andare in un certo modo, chi cerca di cambiarle deve essere punito. Chi cambia un colore, chi si sogna di dare un’anima alle cose, farà una brutta fine. Ma forse non sarà sempre così. Forse meritiamo tutti una seconda possibilità, dove poter guardare le cose con più bontà.

(EN) A squad of tough guys grappling with an execution. An extreme punishment for a person who has been up to all sorts. Right, if the world is run in a certain manner, anyone who tries to put a spoke in the works must be punished. Anyone who changes affiliation, anyone who dreams of injecting soul into things will come to a sorry end. But perhaps things can change. Maybe we all deserve a second chance, where we can look upon the situations life throws at us with more integrity.