I VINCIDÔRS

dal Concors par Tescj Cinematografics in Lenghe Furlane (X edizion)

Inte serade di premiazion, che si è davuelte li dal cine Visionario di Udin ai 18 di Dicembar dal 2014, a son stâts consegnâts il premi de X edizion dal Concors par Tescj Cinematografics in Lenghe Furlane.
Une jurie formade di Roberto Iacovissi, Tommaso Pecile e Alessandro Di Pauli, dopo di vê valutât dutis lis 14 opere che a jerin in competizion, e à dât chescj premis:
Pe “sezion senegjaturis” la jurie e à assegnât il prin premi (che al è di 1.500 euros) a PENSIONS di Andro Peressutti e Riccardo Sabbadini cun cheste motivazion: “Pe cualitât de storie che e je svilupade intune maniere semplice ma mai banâl e li che ducj i elements di une senegjature a risultin simpri utii e funzionâi pe storie, li che i personaçs a son ben caraterizâts, li che al è evidenziât ce che al è in zûc tes senis e li che il mût che a son struturadis lis senis al palese une paronance dal lengaç cinematografic. La senegjature e je in stât di emozionâ il public”.
LA GRANDE OLE di Maurizi Silvin Mozàt (Maurizio Della Negra) al à vût une menzon speciâl cun cheste motivazion: “Pe fantasie straordenarie li che si è pensât di meti adun il mont tradizionâl e fantastic cun chel di vuê intun lavôr complès e ben sestât”.
Pe sezion “saçs sul cine” la jurie e à assegnât il prin premi (250 euros) a LA VÔS DAL SILENZI di Francesco Della Mora cun cheste motivazion: “Un saç ben scrit, cuntune analisi puartade fint insom, cun riferiments precîs che a fasin dal saç un moment di cognossince no dome dal film ma di buine part de opare cinematografiche di Bergman”.
Pe sezion “articui di critiche” al à vût il prin premi (400 euros) COLPEVUL DI IDENTITÂT di Raffaele Serafini e Elvezio Sciallis cun cheste motivazion: “Un articul di critiche cinematografiche ben scrit e puartât indenant cuntune biele analisi che al sburte il public a lâ a viodi il film che al ven recensît”.
Pe sezion “storiis par film” la jurie e à assegnât une menzon speciâl a NEVEADE di Marisa Moretti cun cheste motivazion: “Une storie semplice cun emozions fuartis in zûc che e conte di une realtât furlane no avonde cognossude de bande dai fruts, che il lavôr a lôr si indrece, la storie che e meretarès però di jessi completade par dâi un sens finît”.

Par finî, la jurie e à assegnât il premi “Mario Quargnolo” – premi che al ven assegnât a chei che a àn dât un contribût essenziâl pe cressite dal audiovisîf in lenghe furlane – a GIORGIO CANTONI, cun cheste motivazion: “Par vê metût adun vie pai agns e in maniere continuative, lavôrs e programs audiovisîfs in lenghe furlane sei pal cine, sei pe television e pe rêt in maniere continuative e simpri inovative dant cussì un contribût sostanziâl pe incressite dal audiovisîf in lenghe furlane”.

La manifestazion, che e fâs part dal Progjet Cine, e je organizade dal CEC – Centro Espressioni Cinematografiche, cul contribût de ARLeF – Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane, de Provincie di Udin, dal Comun di Udin e cu la sponsorizazion de Banca di Udine.

 loghi-Segnai-di-lus-2014