+SkletXtremeTV

Cun Cristian Pressacco, Francesca Battistutta

  • diretôr de produzion: Pauli Cantarut
  • coordenadôr de edizion: Federica Vincenti
  • produzion: Informazione Friulana s.c. cu la poie de ARLeF (Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane)
  • version: furlan
  • durade: 20’ par ogni pontade
  • an: 2014
  • version origjinâl:

+SkletXtremeTV e je une serie di reportages proponude pe television e pe rêt sui sports salvadis in Friûl, tant che canyoning intai foredôrs e tai salts di aghe dal cjanâl di Racolane; downhill in bici jù pes monts bande Glemone, il parecleve a motôr sù par Paulâr, il kite-surf che al met adun acuilon e taule di surf alì de isule di Martignan e il kayak di mâr alì de Isule de Cone. Lis ripresis a son fatis cun videocjamaris tacadis tal casc di protezion o sui imprescj che a vegnin doprâts. Il documentari al mostre ancje l’ambient li che a vegnin praticâts i sports, i personaçs che a vivin alì e che a valorizin chei lûcs ancje cuntun turisim creatîf.

+SkletXtremeTV è una serie di reportage per la televisione e la rete che documenta gli sport estremi praticati in Friuli: canyoning in Val Raccolana; downhill, in bici per i monti (Gemona); parapendio a motore (Paularo); kite-surf, aquilone e tavola di surf (sulle onde dell’isola di Martignano) e kayak di mare (Isola della Cona). Le riprese sono fatte con piccole videocamere attaccate al casco di protezione o agli attrezzi usati nelle varie specialità. Ogni puntata si sofferma sull’ambiente dove si svolge lo sport, sui personaggi che vivono in quel luogo e che ne valorizzano la specificità anche attraverso il turismo creativo.

Made for television and for the web, +SkletXtremeTV is composed by several news stories on extreme sports practiced today in Friuli, such as: canyoning (Val Racolana); downhill, on bicycle across the mountains (Gemona); powered paragliding (Paularo); kite-surf (riding the waves of the island of Martignan). But also outside Friuli, kayaking on open water (Island of Cone). The shots are made using small video cameras fixed on the helmets of the athletes or on the sport equipments used in each specialty. Every episode dwells on the location where the sport is practiced, on the people living there and capitalizing the peculiarity of the place also through creative tourism