La barma

  • scrit di: Fredo Valla e Elia Lombardo
  • fotografie: Michele Zampierin
  • montaç: Remo Schellino, Luca Olivieri
  • musichis: Franco Oliviero, La Ciapa Rusa
  • efiets audio: Renato Cavallero
  • produzion: Polistudio
  • version: ocitan
  • durade: 40’
  • an: 2013
  • version origjinâl:

Balma Boves (la Barma te varietât locâl), sît uman spetacolâr sot di une spice di cret su la cueste de Mont Bracco, e je une des maraveis des valadis ocitanis dal Mont Visol / Monviso. Abitât fin tai agns ’60 dal secul stât, si presente tant che une sorte di “borc fossil” sorevivût par cetantis etis, unic esempli tal arc alpin. Il film, zirât tra 2007 e 2008, al è stât metût adun cul jutori dal comun di Sanfront che di chel borc al veve za curât il restaur. Intal film si viodin i ultins testemonis di Balma Boves che a contin lis lôr storiis.

Balma Boves (la Barma nella variante locale), spettacolare insediamento umano sotto una sporgenza di roccia alle pendici del Monte Bracco, è una delle meraviglie delle valli occitane del Monviso. Abitato fino agli anni ’60, si presenta come una sorta di “villaggio fossile” sopravissuto ad epoche remote, unico nell’arco alpino. Il film, girato nel 2007/2008, è stato realizzato con il sostegno del comune di Sanfront che di quella realtà aveva già curato il restauro. Nel film si vedono gli ultimi testimoni di Balma Boves raccontare le loro storie.

Balma Boves (la Barma in the local variation) is one of the wonders of the Occitan valleys in Monviso. Populated until the sixties, it is a sort of “fossilized village”, the only one in the Alps. The movie, shot in 2007/2008, has been realized with the support of the municipality of Sanfront, that had already worked on the restoration of the village.