Farcadice, diari di viaç: Il Friûl in Italie

  • regjie : Carlo Della Vedova, Luca Peresson
  • progjet grafic, montaç e postproduzion : Paola Zoratti
  • musichis : Claudio Cojaniz
  • produzion : Comun di Trep Grant, Entract multimedia
  • cul contribût de : Regjon Friûl – Vignesie Julie
  • version  : furlan
  • an  : 2011
  • formât video  : Pal 16
  • durade  : 42’

(FUR) Chest cuint documentari de serie Farcadice al fronte il teme de emigrazion furlane tai teritoris talians. Dopo de emigrazion in Argjentine, in Belgjiche, in Sud Afriche e in Canadà, Carlo Della Vedova e Luca Peresson a frontin e a ilustrin la diaspore dai furlans dentri dai confins dal stât talian, di Vignesie a Latina, di Milan, Turin e Bergamo fintremai a Gjenue. “Pat meti adun chest documentari” a àn vût scrit i doi autôrs tal librut dal dvd “o vin sielzût di viazâ in Italie tal spazi e tal timp: lis imagjins che a compagnin lis intervistis a son il risultât di une ricercje di archivi e a son tiradis fûr di documentaris, gjornâi filmâts, tocs di filmâts ancjemò inedits”.

(IT) Questo quinto documentario della serie Farcadice affronta il tema dell’emigrazione friulana nei territori italiani. Dopo l’emigrazione in Argentina, in Belgio, in Sud Africa e in Canada, Carlo Della Vedova e Luca Peresson affrontano e illustrano la diaspora dei friulani all’interno dello stato italiano tra Venezia e Latina, tra Milano, Torino, Bergamo e Genova. “Per la realizzazione di questo documentario” scrivono gli autori nel booklet del dvd “abbiamo scelto di viaggiare in Italia attraverso lo spazio e il tempo: le immagini che rappresentano i luoghi delle interviste nascono da una lunga ricerca in cineteche, tra documentari, cinegiornali, tra frammenti di filmati ancora inediti”.

(EN) This film, the fifth of the documentary series Farcadice, deals with the subject of emigration from the Friuli to other areas of Italy. Following their studies of emigration to Argentina, Belgium, South Africa and Canada, Carlo Della Vedova and Luca Peresson examine and illustrate the Friulian diaspora in Italy itself, taking in Venice, Latina, Milan, Turin, Bergamo and Genoa. “To make this documentary,” write the authors in the booklet accompanying the DVD, “we chose to travel across Italy through space and time: the images which represent the locations of the interviews are the result of in-depth research in film libraries, documentaries and newsreels, and include fragments of never-before-seen footage”.