At di dolôr

  • regjie : Alberto Fasulo
  • scrit, senegjature, montaç e fotografie : Alberto Fasulo
  • musichis : Massimo De Mattia
  • cun : Umberto De Vittor
  • produzion : FaberFilm
  • produtôrs : Alberto Fasulo, Paolo Benzi, Alessandro Rossetto, Flavio Massarutto
  • version : cence dialics
  • an : 2011
  • formât di riprese : 16mm
  • durade : 11’

(FUR) Intant de fieste de Imaculade Concezion, un om al è daûr a preâ tal santuari francescan di Madone de Rose. Al vagole cui siei pinsîrs e si piert tal mieç de int intun luna park. Tant che une tele di ragn tindude tra cîl e tiere, al imbrace il mont e dut ce che al è uman. Cuntun plan secuence unic, ipnotic e virtuôs, in blanc e neri, Alberto Fasulo al filme l’ingôs di une voglade seneose di vite, ma inlidrisade te fuarce di gravitât.

(IT) Durante la festa dell’Immacolata Concezione, un uomo prega nel santuario francescano della Madonna della Rosa. La sua mente vaga e si perde nella folla di un Luna Park. Come una ragnatela tesa tra cielo e terra, abbraccia il mondo e tutto ciò che è umano. Attraverso un piano sequenza unico, ipnotico e virtuosistico in bianco e nero, Alberto Fasulo filma l’angoscia di uno sguardo desideroso di vita, ma radicato nella forza di gravità.

(EN) During the feast of the Immaculate Conception, a man prays in the Franciscan sanctuary of the Madonna di Rosa. His mind starts to wander and loses itself in the crowd of a funfair. Like a spider’s web, spun between heaven and earth, he embraces the world and all things human. In a unique, hypnotic and virtouse long take in black and white, Alberto Fasulo films the anguish of a gaze that is avid for life, yet firmly within the grasp of gravity.